• foto
  • foto
  • foto
  • foto
  • foto

Benvenuto!

 
 
 

Vedi tutti gli eventi di oggi

 
 

Storia

Facebook

 

Le vicende storiche


Il territorio di Torre di Mosto, in epoca preromana e romana, era compreso in un sistema lagunare che collegava la laguna di Venezia con quella di Caorle.
Lungo il margine lagunare, sul limite settentrionale del territorio, il console T. Annio Rufo fece passare la Via Annia (131 a.C.) che collegava Roma ad Aquileia.
Intorno al V secolo, i romani costruirono in una delle anse del fiume Livenza una 'turris' di guardia per vigilare e fare da baluardo alle scorrerie dei barbari provenienti da nord.

Nel VII secolo, il territorio lagunare divenne rifugio degli abitanti di Opitergium (Oderzo) che fuggivano davanti ai Longobardi.
In quest'area sorse la città di Heraclia (poi Eraclea) che divenne ricca e popolosa con un fiorente commercio marittimo e lagunare.
Sul finire del VII secolo, tramontati i fasti di Heraclia a vantaggio della più sicura Venezia, il territorio, impaludatosi progressivamente anche a causa delle continue inondazioni dei fiumi Piave e Livenza, fu abitato da contadini che edificarono un borgo dove già esistevano una cappella dedicata a San Martino e una robusta torre eretta dai Dogi a difesa di Heraclia.

 

Nel 1411 il villaggio di 'Torre' fu distrutto e la torre rasa al suolo dagli Ongari, ma nel corso del secolo essi furono ricostruiti grazie al contributo della nobile famiglia veneziana Da Mosto che in quei luoghi amministrava estesi terreni agricoli.
Da allora (XV secolo) il nome dei Da Mosto fu associato a quello del borgo che assunse il toponimo di Tor da Tosto.
Fino alla seconda metà dell'800, Torre di Mosto rimase un piccolo villaggio di agricoltori che in terre paludose si prodigavano in una stentata economia agricola, e con una popolazione duramente provata da epidemie, dalla malaria e dalle frequenti esondazioni del Livenza.
Dal 1815 si sviluppò la navigazione fluviale e sotto la dominazione austriaca si diede avvio alla sistemazione organica degli argini del Livenza.
Con l'avvento del Regno d'Italia (1871) iniziò anche la bonifica del territorio, completata dopo la Prima Guerra Mondiale, che permise di prosciugare e dissodare oltre 3000 ettari.
La popolazione torresana si ridusse della metà negli anni '60 per effetto della meccanizzazione agricola, per poi stabilizzarsi negli anni '70 e aumentando progressivamente fino ad oggi (4300 abitanti al 31.12.2000), grazie ad una avveduta espansione ediliza e all'aumento dell'offerta lavorativa.
Oggi, Torre di Mosto, accanto alla propria vocazione agricola (cereali, barbabietole, uva e foraggi), vanta un consistente sviluppo nell'edilizia e nell'artigianato e si sta evolvendo nei settori dell'industria (con importanti lottizzazioni per insediamenti agro-industriali), del turismo e dei servizi, con la valorizzazione del patrimonio storico (Museo della Civiltà contadina di Boccafossa) e naturalistico (aziende agrituristiche, itinerari fluviali, parchi a destinazione ricreativa e sportiva).

Vedi anche