• foto
  • foto
  • foto
  • foto
  • foto

Benvenuto!

 
 
 

Vedi tutti gli eventi di oggi

 
 

Attraverso la campagna da Jesolo al Piave

itinerari

Facebook

Il territorio comunale della seconda Spiaggia d'Italia appare geograficamente sospeso tra il litorale sabbioso, la laguna nord di Venezia e le grandi aste fluviali. Territorio originariamente anfibio esso presenta da oltre un secolo una peculiare fisionomia agraria e insediativa, con una costellazione di abitazioni sparse, di borgate rurali e con particolari estensioni colturali a frutteto.
Pere, mele e pesche costituiscono in sostanza la risorsa produttiva di Jesolo d'entroterra, così come sole, mare pulito e servizi d'avanguardia sono invece le risorse di quella balneare.

L'escursione ciclistica nella 'campagna jesolana', tortuosa e spesso indirizzata su stradine bianche e segrete, consente di scoprire una inedita ricchezza di paesaggio, in cui la storia recente si mescola all'interesse architettonico delle abitazioni rurali ed alla pittorica varietà cromatica delle culture tipiche.


Percorso:
Jesolo Paese, Ca' Pirami, Argine Fiume Piave, Passarella, Passarella di Sotto, Ca' Pirami, Jesolo Paese
Partenza: Piazza Matteotti, Jesolo Paese
Lunghezza: 17 km
Tempi di percorrenza: 2 ore

Note: Il tratto stradale tra Passarella e Jesolo può essere densamente trafficato nei mesi di luglio e agosto

 

Da Piazza Matteotti a Jesolo paese si procede verso destra attraverso via Piave Vecchio e, costeggiando il Sile-Piave Vecchia si raggiunge in breve l'incrocio con via Pirami. Si svolta quindi a destra e si prosegue, superando rapidamente le propaggini del nuovo quartiere residenziale di Jesolo ed inoltrandosi nella campagna.

Il tratto che segue e che conduce alla località di Ca' Pirami, è caratterizzato dall'alterna presenza di frutteti, di pittoresche, vecchie case rurali e di moderne abitazioni. In primavera, i fiori bianchi dei peri e dei meli, vestono questa campagna suburbana di veli luminosi e milioni di api si affollano sulle fioriture garantendo abbondanti fruttificazioni tardo estive.

Giunti a Ca' Pirami e superato il primo incrocio, al secondo, immeditamante successivo e fronteggiato da un capitello trasformato in chiesetta, si svolta a sinistra. Si procede così lungo lo storico tracciato dell'Argine San Marco (1543), che nelle intenzioni dei Veneziani doveva proteggere la laguna nord dalle esondazioni del fiume Piave.
Percorso circa un chilometro e mezzo nella frazionata campagna della piccola proprietà, si lascia la rotabile asfaltata e si scolta a destra lungo via Saccà in corrispondenza di un grande pioppo nero.

La stradina bianca sembra perdersi nel verde mosaico degli appezzamenti agrari che si estendono tra gli alvei del Sile e del Piave.

Si affronta il tratto seguente ammirando un paesaggio solitario e pulito, con ampi orizzonti dove si alternano vigne e mais sovrastati da un cielo vastissimo e pittoresche case contadine in abbandono. Si raggiunge quindi, dopo circa tre chilometri, un incrocio nei pressi di un piccolo impianto di sollevamento idraulico e si svolta a destra, salendo in breve, sull'argine del Piave.
Si prosegue ora verso sinistra e ammirando il rettilineo solco alveale del fiume alpino si raggiunge l'abitato di Passarella. Si segue il percorso della rotabile, che svolta verso sud-ovest e si scende dall'argine procedendo in direzione di Caposile.
Si superano in successione due incroci con strade laterali che accedono al racoclto centro urbano e al terzo, segnalato da un semaforo lampeggiante, si svolta a sinistra (via S. Pio X).
Si segue ora il rettilineo tracciato della strada comunale per Passarella di Sotto, superando canali di bonifica e costeggiando una sequenza di capitelli e di piccole abitazioni rurali. Si raggiunge infine nuovamente, dopo aver superato Passarella di Sotto, il paesaggio del frutteto e la frazione di Ca' Pirami.
Si svolta quindi a destra e si affronta il rettilineo tratto conclusivo dell'escursione, che conduce a Jesolo paese lungo la stessa rotabile percorsa nel tratto iniziale.

 

 

 

Crediti e Bibliografia: Quanto riportato su questa pagina (testi) è estratto, per gentile concessione dell'editore, dalla guida 'JESOLO ERACLEA...in bici tra bonifiche e laguna' - autore Michele Zanetti -della serie Guide PEDALAFACILE pubblicato dalla Casa Editrice ACHAB snc
di Mogno Michele & C., via E. Ferrari, 15 30037 - Scorzè - VE
tel. +39 041 5845003
fax +39 041 5845007