• foto
  • foto
  • foto
  • foto
  • foto
  • foto
  • foto
  • foto
  • foto
  • foto
  • foto
  • foto
  • foto
  • foto
  • foto
  • foto
  • foto
  • foto
  • foto
  • foto
  • foto
  • foto
  • foto
  • foto
  • foto
  • foto
  • foto
  • foto
  • foto
  • foto
  • foto
  • foto
  • foto
  • foto
  • foto
  • foto
  • foto

Benvenuto!

 
 
 

Vedi tutti gli eventi di oggi

 
 

Itinerari naturalistici in Riviera: le Valli

itinerari

Facebook

Sospese tra acqua e terra, le valli che si estendono al di là della Romea nel territorio di Campagna Lupia offrono uno dei paesaggi lagunari più belli e affascinanti del mondo, particolarmente 'magici' in certi tramonti rossi. Frutto di millenari interventi dell'uomo per modellare la natura, contenere il mare o guadagnare la terra, le 'valli chiuse' arginate sono nove, appartenenti al Demanio e vengono utilizzate dai privatiche le hanno in concessione per la pescicoltura di cefali, branzini, sogliole e orate.

Cuore pulsante di questa area lagunare sono i duecento ettari di valle Averto gestiti dal WWF, che ha dato vita a un'Oasi faunistica dove è stato risanato un sistema ecologico ideale per la sosta e la nidificazione di varie specie di uccelli migratori. Dotata di un 'museo del territorio' con cavana e lavoriero restaurati, rimboschita con la flora originale: pioppi, bianchi e e neri, salici, aceri campestri, ontani neri, farnie, l'oasi è ricca di animali di ogni tipo, che si possono vedere seguendo percorsi mimetizzati o nascondendosi in capanne di canna. Tra i mammiferi: bufali (introdotti alcuni anni fa), nutrie, tassi, volpi, faine, donnole, puzzole. Tra gli uccelli che svernano: germani reali, folaghe cormorani. Tra i residenti: l'airone cenerino, l'airone bianco maggiore, il martin pescatore, il falco di palude e il cigno reale. D'estate si possono ammirare aironi rossi nidificanti, garzette, cavalieri d'Italia, pettegole, totani, pantane, spatole, piovanelli. Durante le migrazioni il falco pescatore, munerosi limicoli e molte specie di anatre. Ogni tanto si può incontrare anche il fistione turco che ha pure nidificato nell'area ed è stato scelto come simbolo dell'oasi.

Tappe dell'itinerario